LibEreria

Ultima chiamata, per le Arti, alla Rivoluzione.

LibEreria

Ultima chiamata, per le Arti, alla Rivoluzione.

Alessandro Mazzà

Nato nel 1969 a Reggio Calabria, vive a Roma.

Scrittore, cantautore, insegnante di lettere, operatore culturale, tiene un “Corso di immaginazione scontenta” (laboratorio di scrittura poetica).

Ha fatto anche il fotografo, il videoreporter, l’editore, il grafico, il critico letterario e musicale.

Numerosi i readings poetici che ha portato negli ultimi anni in giro per l’Italia; “Alla ricerca della voce giusta” è il titolo del suo più recente spettacolo.

Ha pubblicato nove libri di versi (“Il confine della pioggia”, 1990; “Outtake”, 1997; “Nuovo diario dell’assenza”, 2004; “Sul futuro dell’archeologia”, 2008; “Versi eterni per ragioni scadute”, 2010; “Requiem”, 2013; “Penultimi versi”, 2016; “Ne varietur”, 2018; “Canti dell’estinzione”, 2019), tre “senza andare né venirne a capo” (“Volevo dirti che non è solo l’Amore”, 2017; “Libro del Silenzio”, 2021; “Non vendibile separatamente”, 2022), un “giallofiaba” (“La lingua magica dei topi”, 2020, con le illustrazioni di Jordan Eyleen) e un disco (“Titoli belli che poi ci fanno i films”, 2015).

Design by ArtWareProductions, on WordPress platform, with Sydney theme. Released in 2022.